Nessun rilascio importante da DJI nel 2019? Perché un rallentamento del drone di consumo era inevitabile

Prima del lancio di RoboMaster S1 all’inizio di questo mese, molti hanno immaginato che DJI stesse per svelare il suo primo drone consumer del 2019: A Spark 2, una nuova linea di droni da corsa FPV o forse anche un Phantom 5.

Ma questo si è rivelato essere un pio desiderio. Il produttore leader del settore dei droni ha suscitato una sorpresa e si è invece avventurato nel mercato della robotica educativa. Il lancio di RoboMaster S1 ha seguito la camera Osmo Action a maggio, che a sua volta ha seguito una serie di versioni aziendali all’inizio di quest’anno.

Ciò significa che non abbiamo avuto il lancio di un prodotto di punta per consumatori / prosumer da DJI dalla presentazione di Mavic 2 Zoom e Mavic 2 Pro ad agosto 2018.

Questo non vuol dire che DJI non sia stato occupato. Il 2019 ha visto il lancio di Mavic 2 Enterprise Dual , Smart Controller , software di gestione della flotta migliorato, Manifold 2 , DJI Terra e altro ancora. C’è molto da fare.

Ma evidenzia uno spostamento di priorità. Il rallentamento del drone di consumo – da un produttore noto per iterazioni rapide e inversioni di prodotto – mostra la realtà di come si sta formando il mercato. Stiamo esaminando una sorta di plateau di droni di consumo, in particolare se le contrazioni del mercato di Parrot 2018 sono nel settore come ci aspettiamo.

Ci sono una serie di ragioni per cui il ritmo frenetico di DJI è rallentato.

Contrazioni del mercato dei droni di consumo
Dal punto di vista di DJI, il mercato dei droni di consumo è stato ben conquistato. L’azienda ha già prodotti convincenti praticamente in ogni fascia di prezzo. E non ha senso che un concorrente sia posto per affrontare seriamente quel dominio presto.

Tuttavia, uno spostamento dalle nuove versioni rapide potrebbe anche riflettere una contrazione su tutta la linea. Non abbiamo accesso alle cifre esatte delle entrate di DJI per il 2018 come facciamo con Parrot, ma sappiamo che DJI ha registrato entrate di 18 miliardi di yuan ($ 2,83 miliardi) nel 2017 , che sono aumentate dell’80% rispetto al 2016.

Questi dati sulla crescita sono spettacolari, ma non altrettanto spettacolari nel contesto della crescita dei ricavi per il 2014 (300%) e il 2015 (100%). Forse le cose stanno rallentando solo un po ‘?

Le prime e decisive mosse di DJI hanno dato alla compagnia un vantaggio inattaccabile rispetto ai concorrenti come Parrot. Ma ci sono alcune realtà che potrebbero limitare la folle crescita dei ricavi dei consumatori a lungo termine.

Per i principianti, è improbabile che la maggior parte degli appassionati di droni comprino un nuovo drone al ritmo che DJI li ha tradizionalmente rilasciati sul mercato. Un nuovo modello o aggiornamento ogni anno va oltre il saldo bancario della maggior parte dei piloti. Questo è il motivo per cui ha più senso offrire opzioni su diversi punti di prezzo e creare una scala di accesso e progressione, come DJI ha fatto in modo efficace.

nuovo drone dji mavic pro platinum
Mavic Pro Platinum, allungando la vita dell’originale Mavic Pro.

La rapida iterazione e la rotazione annuale dei prodotti funzionano bene per una nicchia di articoli del mercato di massa, come gli smartphone. Questo è probabilmente per tre motivi.

In primo luogo, tendono ad essere acquistati tramite contratto. I costi anticipati non sono preferibili per gli abbonamenti mensili. In secondo luogo, sono visti come accessori alla moda, non solo accessori utili. Siamo ancora lontani dal punto in cui i droni di consumo diventano di moda allo stesso modo. Probabilmente non lo faranno mai.

E infine, è perché c’è un elemento di obsolescenza integrata che guida le vendite degli smartphone. Alcuni produttori sono stati colti intenzionalmente a rendere inutilizzabili i loro telefoni nel tempo, nel tentativo di incoraggiare nuovi acquisti. Questo tipo di strategia ovviamente non andrebbe bene nel settore dei droni, dove prestazioni, affidabilità e sicurezza sono fondamentali.

È anche importante notare che la tecnologia dei droni ha raggiunto un certo limite – almeno dal punto di vista del consumatore. La differenza di capacità tra, ad esempio, l’originale Mavic Pro e il nuovo Mavic Pro 2 giustifica un altro esborso di oltre $ 1.000?

Se hai tasche profonde e una passione per l’hobby, certo. I guadagni marginali e i miglioramenti incrementali si sommano molto. Ma se sei un pilota ricreativo che non vola così spesso, forse no.

La grande incognita è se DJI abbia già raggiunto una massa critica di piloti di droni da diporto. Ci potrebbe essere ancora un sacco di buzz nel mercato di consumo. Il tempo lo dirà.

I droni di DJI continuano a mangiarsi a vicenda
Un altro motivo per cui non abbiamo avuto un rilascio importante nel 2019 da DJI è che la gamma Phantom è, a quanto pare, in uscita.

DJI è stato intelligente nel riproporre e modificare i modelli per estenderne la fattibilità, dal Phantom 4 RTK al Mavic Pro Platinum , a tutti i diversi tipi di Phantom 3 che erano in vendita ad un certo punto.

Ma non possiamo fare a meno di sentire che gli ultimi droni Mavic 2 Pro hanno messo l’unghia nella bara di qualsiasi ambizione di Phantom 5. Un Phantom 5 avrebbe bisogno di alcune straordinarie capacità per renderlo una scelta avvincente contro la portabilità della linea Mavic 2.

Non siamo sicuri di cosa potrebbero essere in questa fase.

Allo stesso modo, il Mavic Air e il Tello venduto da DJI di RyzeTech sono entrambi entrati nel mercato per principianti / famiglie di Spark.

Il che solleva un altro problema con DJI. Quando diciamo famiglie / principianti, lo facciamo sapendo che tutti i droni di consumo di DJI sono facili da pilotare. L’accessibilità non è più qualcosa che i consumatori devono acquistare appositamente. Questo è ovviamente un grande vantaggio, ma rende più difficile sviluppare prodotti entry-level convincenti.

Un lancio che potremmo vedere nel 2019 è una nuova iterazione di Spark – una Spark 2. Ma dovrebbe essere valutato attentamente per evitare di calpestare le dita dei piedi di Mavic Air.

Vedi cosa intendiamo? I droni di DJI continuano a mangiarsi a vicenda. Ogni nuovo lancio è un delicato gesto di bilanciamento.

Concentrati altrove
Come accennato in precedenza, un’altra ragione per la mancanza di lanci di droni di consumo di DJI quest’anno potrebbe essere semplicemente perché c’è così tanto focus altrove.

DJI ha fatto enormi passi avanti nell’hardware e nel software aziendale, un settore che dovrebbe superare di molto il potenziale delle vendite dei consumatori a lungo termine.

dji osmo action camera
Mirare ai clienti GoPro: la nuova fotocamera Osmo Action di DJI.

Allo stesso tempo, il passo di questo mese nella tecnologia educativa e il continuo sviluppo della serie Osmo suggerisce che DJI vuole essere una società di tecnologia di consumo, non solo una compagnia di droni. DJI ha i suoi obiettivi fissati sulla base di clienti GoPro .

Anche per un’azienda con risorse, ricerca e sviluppo e abilità produttiva di DJI, ha senso concentrarsi su quelle possibilità emergenti.

Mal di testa della guerra commerciale
C’è un ultimo angolo del perché è stato un 2019 tranquillo fino ad ora DJI per la divisione droni di consumo. La società si trova ad affrontare l’incertezza politica nel suo mercato di maggior successo: gli Stati Uniti.

Come produttore cinese e leader del settore, DJI è stato oggetto di numerosi controlli negli ultimi anni. Ci sono state una serie di storie legate alla sicurezza informatica. Più recente è stato un avviso DHS sui droni cinesi.

L’allerta non ha menzionato esplicitamente DJI e DJI ha adottato una serie di misure per garantire la sicurezza dei dati dei suoi clienti per mettere a posto questo problema.

Ma con un’amministrazione Trump intenzionata a reprimere le società tecnologiche cinesi, prendere fiato per vedere come si svolge la situazione ha molto senso.

Detto questo, a differenza di Huawei, DJI ha un influente team con sede negli Stati Uniti e una gamma di clienti statunitensi che possono garantire per l’azienda. Un divieto sembra molto improbabile.

Cosa possiamo aspettarci da DJI per il resto del 2019?
Un indizio importante potrebbe essere stato in un posto improbabile: il piano di DJI di aggiungere la funzione di sicurezza AirSense a tutti i suoi nuovi droni.

“Tutti i nuovi modelli di droni DJI rilasciati dopo il 1 ° gennaio 2020 che pesano più di 250 grammi includeranno la tecnologia AirSense”, ha affermato la dichiarazione a maggio.

Ci sono due modi per leggere tra le righe qui. La dichiarazione suggerisce che DJI potrebbe rilasciare un altro drone leggero prima della fine dell’anno – sebbene lo Spark originale fosse di 300 grammi e le nuove iterazioni tendano a diventare più grandi, non più piccole.

Ma tutto ciò conferma che non ci saranno importanti rilasci o sviluppi sulla gamma Mavic Air o Phantom prima del 2020. Non avrebbe senso promuovere la pubblicazione di AirSense solo per lanciare un nuovo modello nel 2019 che non averlo incorporato.

Il RoboMaster S1 di DJI è un robot educativo modulare per i tecnici

Oggi DJI rilascia il suo ultimo prodotto, DJI RoboMaster S1 . Un robot educativo per tecnici di tutte le età. Lo scorso venerdì abbiamo avuto il resto per giocarci negli uffici di DJI a New York e queste cose sono molto divertenti! Prima di tutto, controlla quelle ruote. Questi ragazzi girano, vanno alla deriva e si muovono in qualsiasi direzione tu voglia. Possono anche sparare laser e perline a infrarossi. Quindi sì, puoi giocare la tua versione di RoboWars con i tuoi amici e familiari. Puoi costruirli tu stesso. Combatti l’uno contro l’altro. Corri a vicenda e programma S1. Viene fornito con tecnologia di rilevamento e ha una fotocamera per la modalità FPV. Il DJI Robomaster S1 ha un prezzo di $ 499ed è disponibile presso il negozio online DJI ufficiale e i rivenditori ufficiali a partire da domani. So che non è un drone, ma devi dare credito a DJI per aver portato questo fantastico robot sul mercato!

DJI presenta DJI RoboMaster S1
Oggi DJI presenta il nuovo DJI RoboMaster S1, che è stato mostrato per la prima volta in questa immagine circa un anno fa. DJI definisce RoboMaster S1 un robot didattico avanzato per gli appassionati di tecnologia di tutte le età, che combina hardware avanzato, rilevamento completo e modalità programmabili. E (soprattutto?) Spara!

A proposito: le microsfere di gel non tossici sono realizzate in materiale composito e devono essere immerse in acqua per ammorbidirle prima dell’uso. Ogni acquisto S1 include occhiali di sicurezza.

Quando acquisti DJI RoboMaster S1 devi assemblare il robot da solo (DJI include tutti gli strumenti), che mi hanno detto che è un progetto divertente ed educativo. Non dovrebbe richiedere troppo tempo e non sembra troppo tecnico sulla base di ciò che ho visto. Penso che molti tecnici riusciranno a liberarsene.

Accessori DJI RoboMaster S1
DJI RoboMaster S1 (Step 1) ha lo scopo di far conoscere alle persone il divertimento e le possibilità della tecnologia robotica. Si dice che il robot sia stato un progetto speciale per il fondatore e CEO di DJI, Frank Wang.

“DJI è alimentato da ingegneri appassionati con il desiderio continuo di superare i limiti della tecnologia”, ha dichiarato Frank Wang. “La passione è vitale, ma lo è anche l’opportunità di imparare e interagire con la tecnologia in tenera età. Abbiamo sviluppato RoboMaster S1 pensando alla prossima generazione di innovatori, rendendo la robotica e la programmazione non solo più accessibili ma anche un’esperienza divertente e accademica. “

Personalmente, sono rimasto davvero colpito dalla tecnologia delle ruote. Le cosiddette ruote Mecanum ruotano avanti e indietro, ma come puoi vedere nelle foto hanno 12 rulli integrati in esse. Ciò consente a DJI RoboMaster S1 di muoversi essenzialmente in qualsiasi direzione e di renderli molto agili e manovrabili. Una funzionalità che ti sarà molto utile quando cerchi di evitare il fuoco nemico. DJI RoboMaster S1 è dotato di motori brushless a coppia molto elevata che portano rapidamente il robot alla velocità massima di 8 mph.

DJI RoboMaster S1
Programmare DJI RoboMaster S1
Oltre a giocare, correre e affrontare la battaglia, puoi anche programmare DJI RoboMaster S1 usando Python o Scratch. Negli uffici di DJI, uno dei rover ha seguito una linea attorno a un percorso ad ostacoli.

DJI RoboMaster S1 può essere controllato direttamente tramite smartphone o tablet o con un telecomando separato. L’RC offre uno stick che rende molto più facile controllare il robot durante una gara o una battaglia, ho scoperto.

Per rendere la tecnologia accessibile ai nuovi arrivati ​​e agli appassionati di tecnologia, DJI ha realizzato un’app RoboMaster dedicata con menu, esercitazioni e opzioni di programmazione facili da navigare. Ci sono funzionalità avanzate per gli utenti che sono un po ‘più esperti di tecnologia e hanno una certa esperienza con AI, ingegneria e robotica.

DJI RoboMaster S1 è dotato di 31 sensori (!) Che aiuteranno il dispositivo a mappare il mondo che lo circonda. Sei sensori sulla sua armatura ti diranno quando sei stato colpito durante le battaglie. Il robot è inoltre dotato di una telecamera in prima persona (FPV) con un feed video diretto, stabilizzato e live all’app RoboMaster sul tuo smartphone o tablet.

Battaglia DJI RoboMaster S1
Il DJI RoboMaster S1 è dotato di un gimbal meccanico con una pistola laser a infrarossi che spara anche perle di gel non tossico. È limitato nella velocità di lancio e nell’angolazione per mantenere le cose sicure per gli astanti, ma spara più che velocemente e abbastanza aggressivo da creare un senso di battaglia quando si interagisce con gli altri. Durante l’anteprima di DJI, abbiamo avuto il passaggio sia alla gara che alla battaglia l’uno contro l’altro ed è stato molto divertente!

“Modalità interattive e divertenti Ispirate ai robot standard presenti nella competizione internazionale di robotica RoboMaster di DJI, la S1 presenta diverse modalità di competizione divertenti e interattive. Le modalità Solo includono Target Practice e Target Race, in cui gli utenti devono scansionare i marker di visione preimpostati. Le modalità di battaglia multiplayer includono Gara e Gratuito per tutti. In modalità Race, gli utenti gareggiano con S1 per scansionare i marker di visione numerati nella giusta sequenza e vince il giocatore che completa il percorso più velocemente. Nella modalità Free-for-All, i giocatori combattono usando sfere di gel o raggi infrarossi. Per aggiungere ancora più eccitazione, la modalità di battaglia multiplayer ha quattro bonus misteriosi che i giocatori possono usare contro i loro avversari: vertigini, interferenza elettromagnetica, velocità estrema e invincibilità. “

DJI RoboMaster S1 è un dispositivo modulare e DJI offrirà vari accessori. Include anche sei porte di controllo PWM (Pulse Width Modulation) in modo che gli utenti esperti possano sfruttare l’hardware di terze parti.

Con la fotocamera FPV e la “tecnologia di visione artificiale”, DJI RoboMaster S1 è in grado di identificare automaticamente diversi oggetti. Ad esempio, durante la nostra gara, abbiamo dovuto “scansionare” numeri e simboli per raccogliere punti. Riceve anche segnali da altri robot S1, così saprai quando verrai colpito.

DJI RoboMaster S1DJI RoboMaster S1 pronto a gareggiareController DJI RoboMaster S1 e iPad
Controller DJI RoboMaster S1 e iPadDJI RoboMaster S1
DJI RoboMaster S1 esegue sei funzioni di riconoscimento intelligente
Il DJI Robomaster S1 può eseguire sei funzioni di riconoscimento intelligenti, tra cui:

Line Follow: crea un corso divertente e interattivo e traccia il percorso desiderato per S1. Linea di programma Seguire l’app RoboMaster e S1 seguirà automaticamente la linea.
Riconoscimento dei marker di visione: S1 è in grado di riconoscere fino a 44 marker di visione, inclusi numeri, lettere e caratteri speciali, il che apre maggiori possibilità di codifica, combattimento e allenamento.
Modalità follow: integrata nell’app RoboMaster, S1 può identificare e seguire una persona selezionata nel campo visivo di S1.
Riconoscimento clap: un modulo di riconoscimento clap integrato sull’S1 può essere programmato per risposte uniche basate sulla quantità di clap.
Riconoscimento gestuale: S1 può essere programmato per riconoscere una serie di gesti fisici simili a quelli di alcuni droni DJI.
Riconoscimento S1: S1 può riconoscere altre unità S1 ed eseguire movimenti unici in base al modo in cui è programmato.
Imparare divertendosi e giocando
Utilizzando Scratch 3.0 o Phyton, è possibile programmare DJI RoboMaster S1 per eseguire funzioni uniche che determinano il modo in cui si muove o l’efficienza e l’ottimizzazione della coppia delle quattro ruote. Puoi anche programmare le tue abilità personalizzate per la S1 in modo che durante la battaglia quando ti spari da dietro la S1 si giri automaticamente e contrattacchi il tuo avversario.

Nell’app RoboMaster è integrato un corso “Road to Mastery” che educa gli utenti sui linguaggi di programmazione. Inoltre, “RoboAcademy” offre tutorial video informativi e guide di programmazione per introdurre robotica e codifica. DJI aggiornerà questi corsi e ne aggiungerà di nuovi nel tempo.

DJI ha iniziato con la competizione RoboMaster nel 2013, che da allora è cresciuta enormemente. Con DJI RoboMaster S1. l’azienda fa il passo successivo nel rendere la tecnologia robotica disponibile a un pubblico più vasto. DJI collaborerà con scuole, club di robotica, organizzazioni e altri per espandere la sua presenza sul campo. Nell’agosto del 2019, DJI ospiterà anche la prima RoboMaster S1 Challenge durante le finali di RoboMaster a Shenzhen, in Cina.

DJI crede che la tecnologia e la robotica siano meglio apprese quando è divertente e c’è tempo di gioco. Sembra che con il DJI RoboMaster S1 abbiano fatto un ottimo sforzo.

DJI RoboMaster S1DJI RoboMaster S1Battaglia DJI RoboMaster S1
Incidente DJI RoboMaster S1
Accessori DJI RoboMaster S1
DJI ha reso gli accessori accidentalmente disponibili online prima del rilascio ufficiale. Eccoli:

Accessorio Prezzo
Motore CC senza spazzole RoboMaster GM6020 $ 189 USD
Scheda di sviluppo RM tipo A $ 105 USD
Scheda di sviluppo RM di tipo B $ 75 USD
Scheda di sviluppo RM OLED $ 49 USD
Cavi per schede di sviluppo RM $ 75 USD
Motoriduttore DC senza spazzole RM M3508 P19 $ 115 USD
Regolatore di velocità motore brushless DC C620 RM $ 89 USD
Kit accessori RM M3508 $ 89 USD
Prezzo e disponibilità
A partire dal 12 giugno, il RoboMaster S1 sarà disponibile per l’acquisto al prezzo al dettaglio di $ 499 . Un “PlayMore Kit”, che include il controller dedicato, microsfere di gel aggiuntive, una batteria e un contenitore di microsfere di gel, sarà disponibile in una data da annunciare.

Il RoboMaster S1 sarà disponibile per l’acquisto su store.dji.com e nei flagship store. Prezzi e disponibilità per gli accessori RoboMaster S1 saranno disponibili in un secondo momento. S1 offrirà prezzi di istruzione esclusivi a studenti e insegnanti. Si prega di contattare education@dji.com per maggiori dettagli.

Per ulteriori informazioni su tutte le caratteristiche e capacità di RoboMaster S1, visitare: https://www.dji.com/robomaster-s1

DJI RoboMaster S1 sarà disponibile solo negli Stati Uniti, in Giappone e nella Cina continentale

Jan Gasparic di DJI afferma che “i dati dei clienti sono solo loro e loro”

In una breve intervista su After the Bell di FOX Business Network, direttore delle partnership strategiche di DJI, Jan Gasparic ha affermato che “i dati dei clienti sono solo loro e dei loro” e “Il fatto è che i tuoi dati si trovano sul drone stesso, è fondamentale.” Di seguito è riportato un link al video dell’intervista.

Jan Gasparic di DJI rafforza la sicurezza dei dati dei clienti
Jan Gasparic, direttore di Strategic Partnerships di DJI, ha fatto queste osservazioni in una breve intervista a Connell McShane trasmessa su FOX Business Network (FBN) After the Bell martedì.

Sul fatto che il governo cinese abbia accesso ai dati dei consumatori e alle preoccupazioni sulla privacy, ha affermato:

“Vorrei solo affermare con enfasi che non è vero. Dati: i dati dei nostri clienti sono solo loro e loro. Noi – la nostra prospettiva è che i dati non siano la nostra attività, la nostra attività è tutta dedicata alla produzione di droni. “

Gasparic ha approfondito un po ‘di più la sicurezza dei dati e ciò che i clienti DJI che non desiderano che i loro dati vengano visti da chiunque possono fare nel seguente segmento:

GASPARIC: Il fatto è che i tuoi dati si trovano sul drone stesso, è fondamentale.

MCSHANE: Ma ti torna automaticamente?

GASPARIC: No.

GASPARIC: A meno che non ci sia un motivo specifico per una richiesta di assistenza post-vendita, è l’unica volta che potresti potenzialmente condividere qualsiasi dato con DJI.

MCSHANE: OK.

GASPARIC: I dati rimangono sul drone, come se non facessimo davvero nulla – non ne abbiamo accesso.

Puoi guardare un video dell’intervista qui sotto:

Alcuni video più lunghi sono disponibili ai seguenti link:

Connell McShane di FOX Business entra nella compagnia di droni DJI
Il DJI cinese è all’avanguardia nel settore dei droni
Jan Gasparic di DJI: i dati dei nostri clienti sono solo loro e loro
È sicuramente un vantaggio per DJI ottenere una copertura della privacy positiva sulla rete preferita del presidente Trump.

A proposito: una spiegazione molto più dettagliata di come è possibile impedire la condivisione di dati con DJI, è disponibile nella presentazione e nel white paper di DJI: “ Elevating Safety. ”

Jan Gasparic di DJI afferma che i dati dei clienti sono solo loro e propri

Resta in contatto!
Se desideri rimanere aggiornato con tutte le ultime notizie, scoop, voci e recensioni sui droni, seguici su Twitter , Facebook , YouTube , Instagram o iscriviti alla nostra newsletter e-mail quotidiana , che esce ogni giorno della settimana alle 6 pm.

Acquista il tuo prossimo drone direttamente dai produttori, come DJI , Parrot , Yuneec o rivenditori come Amazon , B&H , BestBuy o eBay . Usando i nostri link, faremo una piccola commissione, ma non ti costerà nulla in più. Grazie per aiutare DroneDJ a crescere!

DJI vuole mettere le cose in chiaro con una lettera al Sottocomitato del Senato

Prima di oggi, DJI ha introdotto DJI Government Edition su alcuni dei suoi droni per offrire un livello di sicurezza dei dati che soddisfa i “severi requisiti del settore governativo per la gestione dei dati, la mitigazione dei rischi e il controllo della condivisione dei dati a livello aziendale”. non è tutto, in una lettera al sottocomitato del Senato, DJI vuole mettere le cose in chiaro su affermazioni errate presentate durante un’audizione della scorsa settimana. Questa è la parte 2 di 3. Resta sintonizzato.

Lettera di DJI alla sottocommissione del Senato

DJI stabilisce il record su speculazioni errate presentate durante l’udienza del Senato degli Stati Uniti

Nella lettera al sottocomitato del Senato, DJI delinea le sue migliori pratiche di protezione dei dati e misure di salvaguardia

DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e della tecnologia di imaging aereo, ha inviato oggi una lettera al sottocomitato per la sicurezza del commercio, della scienza e dei trasporti del Senato degli Stati Uniti per stabilire le dichiarazioni errate presentate durante un’audizione della scorsa settimana.

Nella lettera, DJI risponde all’errata speculazione dei testimoni sulle pratiche di sicurezza dei dati dell’azienda, scrivendo: “la speculazione non comprovata e le informazioni inaccurate presentate durante l’udienza del Sottocomitato metteranno a rischio l’intero settore dei droni degli Stati Uniti, causando un effetto a catena che ostacolerà la crescita economica e manette i dipendenti pubblici che usano i droni DJI per proteggere il pubblico e salvare vite. “DJI aggiunge:” I droni DJI non condividono i registri di volo, le foto o i video a meno che il pilota drone non decida deliberatamente di farlo. Non inviano automaticamente i dati di volo in Cina o altrove. Non trasmettono automaticamente foto o video su Internet. Questi dati rimangono esclusivamente sul drone e sul dispositivo mobile del pilota. DJI non può condividere i dati dei clienti che non riceve mai. “

Il testo completo della lettera di DJI al sottocomitato è disponibile a questo link ed è stampato di seguito.

24 giugno 2019

On. Roger Wicker Hon. Maria Cantwell Hon. Dan Sullivan Hon. Edward Markey Commissione per il commercio, la scienza e i trasporti Senato degli Stati Uniti 302 Hart Senato Edificio per uffici Washington, DC 20510

Caro Presidente Wicker, Membro della classifica Cantwell, Presidente Sullivan e Membro della classifica Markey,

A nome di DJI Technology Inc., presentiamo questa lettera per la cronaca in relazione alla Commissione del Senato degli Stati Uniti del 18 giugno 2019 per il commercio, la scienza e i trasporti, sottocommissione per l’audizione sulla sicurezza intitolata “Sicurezza dei droni: migliorare l’innovazione e mitigare i rischi della catena di approvvigionamento “.

Poiché l’industria dei droni sta diventando un motore sempre più critico per le piccole imprese americane e per l’intera economia americana, è essenziale che le decisioni che incidono sui componenti chiave del settore siano basate sui fatti. Siamo profondamente preoccupati che la speculazione priva di fondamento e le informazioni inesatte presentate durante l’audizione della sottocommissione rimangano incontrollate, mettendo a rischio l’intero settore dei droni statunitensi, causando un effetto a catena che ostacolerà la crescita economica e ammanetterà i funzionari pubblici che usano i droni DJI per proteggere il pubblica e salva vite.

L’industria dei droni degli Stati Uniti sta vivendo una rapida crescita, aiutando i lavoratori, gli imprenditori, le agenzie governative e i primi soccorritori statunitensi a promuovere la sicurezza dei lavoratori, a stimolare l’innovazione, a sostenere operazioni vitali e a salvare vite umane. In quanto azienda tecnologica globale e leader mondiale nella produzione di droni civili, DJI ha svolto un ruolo centrale nel promuovere i vantaggi sociali della tecnologia dei droni, lavorando in collaborazione con il governo, l’industria e gli esperti di ricerca per integrare in modo sicuro i droni nel nostro spazio aereo e stabilire standard di settore per sicurezza e privacy dei dati.

DJI ha inventato la categoria di prodotti di quadricotteri pronti all’uso di alta capacità che possono essere facilmente utilizzati per applicazioni commerciali con la serie Phantom oltre sei anni fa. Non sorprende che nel 2019 DJI sia il leader del mercato che ha inventato. Da quel momento, abbiamo guidato la rapida innovazione per fornire i migliori strumenti salvavita a prezzi interessanti. Poiché DJI ha spinto i limiti della tecnologia per sviluppare rapidamente l’hardware migliore della categoria, abbiamo consentito l’innovazione americana, la creazione di posti di lavoro e la crescita economica nel software e nei servizi dei droni. Poiché abbiamo reso la tecnologia dei droni accessibile e conveniente, oltre 1 milione di persone hanno registrato i loro droni civili negli Stati Uniti e oltre 122.000 piloti con licenza FAA operano commercialmente.

Crediamo che l’industria e il governo abbiano una responsabilità condivisa per sfruttare questo slancio e tenere aperti i cieli per un commercio e un’innovazione sicuri. Sfortunatamente, alcuni testimoni che sono apparsi davanti al Sottocomitato vogliono limitare la concorrenza, l’innovazione e la disponibilità della tecnologia dei droni basata esclusivamente sul suo paese di origine. Per rafforzare il risultato desiderato relativo al paese di origine di un prodotto, hanno fatto ricorso a rischi altamente speculativi e informazioni inesatte sulla funzionalità di trasmissione dei dati.

I clienti DJI hanno il pieno controllo dei propri dati

Questa speculazione sulla tecnologia di DJI è semplicemente sbagliata. Per essere chiari:

  • I droni DJI non condividono registri di volo, foto o video a meno che il pilota di droni non decida deliberatamente di farlo. Non inviano automaticamente i dati di volo in Cina o altrove. Non trasmettono automaticamente foto o video su Internet. Questi dati rimangono esclusivamente sul drone e sul dispositivo mobile del pilota. DJI non può condividere i dati dei clienti che non riceve mai.
  • L’app pilota professionale di DJI ha un’impostazione integrata per disconnettere tutte le connessioni Internet, come ulteriore precauzione per i piloti che effettuano voli sensibili. A differenza di alcune società tecnologiche, DJI non vende né monetizza i dati dei clienti.
  • DJI incorpora funzionalità di crittografia di password e dati nella progettazione dei nostri prodotti. Ciò fornisce ai clienti un accesso sicuro al drone e ai suoi dati di bordo. Nei casi in cui gli utenti di droni statunitensi scelgono di condividere i propri dati, questi vengono caricati solo su server cloud statunitensi.
  • DJI gestisce un programma globale di bug bounty in modo che i ricercatori di sicurezza del mondo possano identificare problemi di sicurezza imprevisti e assumiamo esperti di sicurezza indipendenti per testare i nostri prodotti. Questi sono solo alcuni dei passaggi che adottiamo per garantire agli utenti ad alta sicurezza che possono utilizzare i nostri prodotti in tutta sicurezza.

Come il Sottocomitato sa, la sicurezza dei prodotti di un’azienda dipende dalle garanzie che essa impiega, non da dove si trova la sua sede. Per fornire ai nostri clienti pubblici un’ulteriore garanzia sulla privacy dei dati, questa settimana rilasceremo il nostro sistema di droni DJI Government Edition. DJI Government Edition non può accedere a Internet e memorizza solo informazioni sul dispositivo. Ciò significa che se un dipendente del governo dovesse commettere un errore nel protocollo di gestione dei dati, o anche tentare intenzionalmente di inviare i dati dei droni a DJI o altrove, non verranno trasmessi dati. Questo è il nostro sistema di droni più sicuro ed è progettato per soddisfare le rigorose aspettative di sicurezza del governo degli Stati Uniti. DJI ha lavorato con il Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti dal 2017 per sviluppare questo sistema,

DJI è inoltre soddisfatto della recente guida del Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti (DHS) per mitigare il rischio di gestione dei dati in missioni sensibili, che si allinea alle pratiche di sicurezza che DJI ha attivato. Il nostro team globale di ingegneri ha implementato in modo proattivo queste misure sulla base delle nostre partnership con agenzie di pubblica sicurezza, operatori privati ​​di infrastrutture critiche e persino il governo federale degli Stati Uniti. Abbiamo invitato pubblicamente tutti i produttori ad adottare le misure delineate dal DHS e rimanere aperti a qualsiasi ulteriore raccomandazione che ci aiuterà a continuare a dare potere ai nostri utenti finali di salvaguardare meglio i loro dati.

I prodotti DJI aiutano le aziende e le agenzie governative americane

Le principali aziende americane si affidano ai droni DJI per promuovere la sicurezza dei lavoratori, proteggere le infrastrutture critiche, mantenere le loro attrezzature e proteggere le loro informazioni. I tecnici di American Airlines hanno testato utilizzando droni DJI per ispezionare gli aeromobili. Federal Express utilizza droni DJI all’aeroporto internazionale di Memphis in una varietà di applicazioni di sicurezza aerea, nell’ambito del programma pilota di integrazione UAS. Gli equipaggi di Hensel Phelps usano i droni DJI per rilevare le condizioni e migliorare la sicurezza nei cantieri complessi. I dipendenti della Southern Company pilotano droni DJI per ispezionare le linee elettriche e valutare i danni da tempesta. Queste aziende e molte altre hanno costruito i loro programmi di droni su piattaforme DJI dopo aver attentamente valutato i droni di più produttori in base a costi, prestazioni, affidabilità e sicurezza.

I droni DJI sono anche la scelta preferita delle agenzie pubbliche e locali di sicurezza pubblica che hanno bisogno dei droni più affidabili per le situazioni di vita o morte letterali. Per esempio:

  • Il dipartimento di polizia di New York City ha usato un drone DJI per monitorare un uomo che si è barricato in un appartamento in un angolo trafficato di Brooklyn questa primavera. Quando gli ufficiali hanno convinto l’uomo ad arrendersi, hanno usato il drone per verificare che avesse messo la pistola prima che le unità tattiche gli si avvicinassero.
  • A febbraio, la polizia di Fremont, in California, ha utilizzato un nuovissimo modello di drone DJI con una termocamera FLIR integrata per trovare un ragazzo sordo emotivamente turbato. Era fuggito da scuola e si nascondeva in un campo buio di notte, ma gli ufficiali hanno visto il suo corpo riscaldarsi con la videocamera del drone e sono stati in grado di salvarlo.
  • Proprio la scorsa settimana, i guardacaccia della Contea di Coleman, in Texas, hanno usato un drone DJI con una termocamera FLIR per trovare due kayakisti dispersi lungo un fiume rurale dopo il tramonto. La ricerca su entrambi i lati di mezzo miglio di fiume avrebbe richiesto tutta la notte a piedi, ma il drone li trovò in 14 minuti. Più di 250 persone sono state salvate dal pericolo dai droni di tutto il mondo, molti dei quali droni DJI.

DJI crea valore per l’economia americana

Come indicano gli incidenti di ricerca e salvataggio di cui sopra, la partnership di DJI con la società di sensori americana FLIR Systems, Inc. ha contribuito a salvare vite umane accelerando la portata di FLIR nella tecnologia aerea e consentendo la sua crescita in questo nuovo campo. È uno dei tanti esempi di come i sistemi hardware di DJI abbiano creato opportunità, crescita e benefici pubblici per gli americani.

Le piattaforme di droni di DJI stanno aiutando gli imprenditori di aziende statunitensi come Measure, PrecisionHawk, DroneDeploy e DroneBase a costruire attività innovative e sviluppare nuove applicazioni software che stimolano gli investimenti in America e supportano la creazione di migliaia di posti di lavoro americani. DJI stima insieme ai nostri partner statunitensi che abbiamo guidato $ 1 miliardo di attività economica negli Stati Uniti. Questa evoluzione è simile a quella di altre tecnologie di elettronica di consumo, inclusi smartphone e computer portatili, fabbricate in Cina ma che consentono alle aziende americane di costruire software e ecosistemi di servizi robusti e redditizi.

Nei prossimi anni, l’uso commerciale dei droni dovrebbe triplicare, l’economia statunitense dei droni dovrebbe superare gli 82 miliardi di dollari e l’economia dei droni creerà più di 100.000 posti di lavoro. Questa è una buona notizia per i produttori di droni americani: come Brian Wynne, Presidente e CEO dell’Associazione per i sistemi di veicoli senza pilota internazionali (AUVSI), ha detto al sottocomitato: “Gli Stati Uniti hanno sviluppato piattaforme UAS più uniche di qualsiasi altro paese, e quasi due volte tanto quanto il secondo paese produttore di UAS. Ha anche più del triplo del numero di produttori a confronto, con 44 stati che hanno almeno un produttore UAS. “

Eppure l’hardware è una parte più piccola dell’economia dei droni rispetto a software, analisi dei dati e servizi di droni – settori che sono guidati da aziende americane. Contiamo oltre 13.000 aziende americane come sviluppatori sui kit di sviluppo software di DJI, tra cui la soluzione di mappatura dei droni leader del settore, DroneDeploy con sede a San Francisco. Le applicazioni software create da tali sviluppatori sono distribuite o vendute su piattaforme mobili iOS e Android sviluppate da Apple e Google e consentono ai flussi di entrate di fluire direttamente dagli utenti di droni a questi sviluppatori.

DJI ha inoltre investito direttamente nell’innovazione creata in America, con la nostra struttura di ricerca e sviluppo della Silicon Valley situata a Palo Alto, che impiega 14 ingegneri, alcuni degli oltre 150 dipendenti in cinque uffici negli Stati Uniti, rendendo DJI uno dei più grandi datori di lavoro diretti di americani nel settore dei droni civili.

Le innovazioni DJI aiutano l’America a entrare in sicurezza nell’era dei droni

DJI prende molto sul serio la nostra responsabilità di leader globale dei droni. Nel corso degli ultimi anni, abbiamo guidato in modo proattivo l’industria nello sviluppo di tecnologie di sicurezza dei droni come geofencing, identificazione remota, prevenzione delle collisioni e test obbligatori di conoscenza del pilota, anche quando non è necessario farlo. Abbiamo discusso di queste molte caratteristiche di sicurezza con i membri e il personale della commissione per il commercio e nella nostra testimonianza dinanzi alla commissione durante l’audizione sui droni del 15 marzo 2017. Proprio come abbiamo guidato il settore della sicurezza, ci impegniamo a essere leader del settore gestione dei dati, fornendo la tecnologia dei droni migliore, più sicura e più sicura per i nostri clienti. Poiché i nostri utenti hanno il controllo dei loro dati, la sicurezza dei loro dati è saldamente nelle loro mani.

DJI ritiene che ogni individuo, impresa e agenzia governativa dovrebbe avere accesso alla tecnologia più sicura, affidabile e protetta. Mentre modifichi le regole che regoleranno la tecnologia dei droni, esortiamo il Congresso a valutare i fatti e avanzare le politiche che promuoveranno l’innovazione, la crescita economica, la sicurezza e la sicurezza pubblica.

Siamo lieti di rispondere a tutte le domande che potrebbe avere il Sottocomitato.

Rispettosamente,

Mario Rebello Vice President e Regional Manager, Nord America DJI Technology Inc.

DJI inizierà a produrre droni governativi negli Stati Uniti

DJI si sta attirando nella guerra commerciale USA – Cina poiché sempre più funzionari del governo degli Stati Uniti sono sempre più preoccupati che i droni DJI possano inviare dati sensibili di sorveglianza alla Cina continentale. Oggi, nel tentativo di arginare la marea, DJI ha rilasciato due dichiarazioni. Il produttore di droni sta introducendo la DJI Government Edition e ha inviato una lettera al sottocomitato del Senato per mettere le cose in chiaro “su affermazioni errate presentate durante un’audizione della scorsa settimana. “Inoltre, DJI sta riproponendo uno dei loro magazzini in California per iniziare a costruire droni governativi proprio qui negli Stati Uniti. Questa è la parte 3 di 3.

DJI ha in programma di realizzare droni governativi negli Stati Uniti
La società cinese e privata, Da Jiang Innovations Science and Technology, meglio conosciuta come DJI, sta per iniziare a produrre droni per uso governativo proprio qui negli Stati Uniti, nel tentativo di mettersi dalla parte dei funzionari del governo degli Stati Uniti.

In questo momento DJI è attratto dalla crescente guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina. Nel tentativo di arginare la situazione, DJI ha presentato la DJI Government Edition, ha inviato una lettera al sottocomitato per la sicurezza del commercio, della scienza e dei trasporti del Senato degli Stati Uniti per stabilire chiaramente il record “sulle affermazioni errate presentate durante un’audizione della scorsa settimana”.

In una terza fase, DJI ha annunciato che inizieranno anche a produrre o assemblare droni governativi in ​​uno dei loro magazzini riproposti proprio qui negli Stati Uniti. L’assemblaggio di questi droni governativi, in particolare il Mavic 2 Enterprise Dual , qui negli Stati Uniti potrebbe aiutare DJI a soddisfare alcuni dei requisiti federali necessari, riferisce il NYT .

Questa versione di Mavic 2 Enterprise Dual sarebbe un drone DJI Government Edition che impedirebbe agli “utenti di trasferire accidentalmente o addirittura intenzionalmente i dati dal drone ad altre parti”.

DJI spera che la DJI Government Edition del Mavic 2 Enterprise Dual possa essere venduta a governi federali, statali e locali negli Stati Uniti

Gli annunci di oggi di DJI arrivano quando il presidente Trump sta per incontrare il presidente cinese Xi Jinping alla fine di questa settimana. Le crescenti tensioni commerciali tra i paesi hanno già danneggiato un certo numero di aziende, in particolare Huawei, in quanto la Casa Bianca ha affermato che le società tecnologiche cinesi hanno la capacità di spiare e rubare segreti commerciali e governativi e quindi costituire una minaccia alla sicurezza. DJI è diventato molto preoccupato che potrebbe perdere la sua capacità di vendere i suoi droni sul mercato statunitense.

A partire da ora, DJI non è ancora stato incluso nella lista nera delle esportazioni dell’amministrazione ma è sempre più al centro dei funzionari del governo degli Stati Uniti. In primo luogo, i funzionari doganali e di immigrazione statunitensi hanno sollevato preoccupazioni nel 2017, secondo cui i droni di DJI potrebbero inviare dati sensibili nella Cina continentale . Più recentemente preoccupazioni simili sono state espresse dal Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti .

I dirigenti di DJI sottolineano che i loro droni sono sicuri da usare e che nessun dato verrà condiviso.

“Siamo coinvolti in questioni geopolitiche del giorno”, ha dichiarato Mario Rebello, vicepresidente delle operazioni nordamericane di DJI, in un’intervista secondo il NYT. “C’è molta paura e clamore e molto non è vero e fuorviante.”

DJI ha in programma di assemblare il 60% di Mavic 2 Enterprise Dual negli Stati Uniti, il che consentirebbe loro di richiedere la certificazione che i suoi droni soddisfano i requisiti del Trade Agreement Act. Le agenzie governative possono acquistare determinati prodotti solo se sono “Made in the USA”.

In precedenza, le agenzie governative dovevano acquistare una deroga per poter acquistare prodotti DJI. Rebello ha affermato che senza la certificazione DJI avrebbe maggiori probabilità di essere bloccato dalla vendita dei suoi droni al governo.

Il Mavic 2 Enterprise Dual sarà assemblato in uno dei magazzini riproposti di DJI a Cerritos, in California, precedentemente utilizzato a fini di distribuzione.

“Saremo più proattivi per essere sicuri di dire quante più informazioni possibili”, ha dichiarato Rebello. “Abbiamo pianificato di investire in America, ma in questo momento è il momento giusto.”

Dovremo vedere quanto saranno efficaci le misure di DJI. Alcuni addetti ai lavori hanno affermato che potrebbe essere troppo piccolo, troppo tardi. Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto.

Fotocamera Autel Evo vs DJI serie Mavic – Confronto completo

La maggior parte delle recensioni online su Autel Evo ( $ 999) risalgono a quando era disponibile per la prima volta per i tester. Le recensioni di quel momento indicano che l’Evo è pieno di bug del software e che le persone dovrebbero aspettare il Mavic 2. Apparentemente, c’è solo una possibilità per una prima impressione: i recensori hanno testato il drone e non hanno mai guardato indietro. Ho finalmente messo le mani su una Autel Evo e ho il vantaggio di guardarla con occhi nuovi. Ho dato uno sguardo dettagliato alla fotocamera Evo e l’ho confrontata con l’intera gamma Mavic tra cui Mavic 2 Pro ( $ 1,499) , Mavic 2 Zoom ( $ 1,249 ) e Mavic Air ( $ 799 ). I risultati mi hanno sorpreso.

Una nota speciale per i nostri lettori: Al momento della pubblicazione di questo articolo su Amazon c’è un ottimo affare per un pacchetto che al prezzo normale di $ 999 include due batterie Evo extra e una borsa per il trasporto gratuita (un valore di $ 220)! Sbrigati e prendine uno, ne rimangono solo pochi.

La fotocamera Autel Evo è adatta a te?
Se vuoi vedere i dettagli sui punti di forza e di debolezza di ogni fotocamera, leggi l’articolo fino alla fine. Ho intenzione di andare all’inseguimento e darti la mia opinione in anticipo. Da questo riepilogo, dovresti essere in grado di dire se l’Evo è quello che stai cercando o se dovresti considerare uno dei droni DJI.

Fotocamera Autel Evo: il miglior 4K
La qualità 4K del Mavic 2 Pro ha deluso molti videografi professionisti che si erano abituati alla qualità del Phantom 4 Pro (ne parleremo più avanti). La sfocatura del Mavic 2 Pro ha lasciato una finestra nel mercato dei droni che l’Autel Evo riempie bene. L’Evo sembra avere la migliore qualità video 4K. È anche l’unico drone del gruppo in grado di filmare in 4K a 60 fotogrammi al secondo.

Guardaci su YouTube se vuoi vedere il formato video di questo articolo

La fotocamera Evo è adatta per piloti di droni di tutti i tipi. Fornisce foto e video pronti per essere pubblicati così come sono. I JPEG e i video mantengono anche una gamma dinamica sufficiente per renderli più adatti al montaggio rispetto a quelli prodotti con impostazioni standard nella maggior parte dei droni DJI. La fotocamera Autel Evo è una buona scelta se sei un pilota professionista con un budget limitato.

Mavic 2 Pro – le migliori fotografie
Questo non è nemmeno molto vicino. Con un sensore da 1 pollice da 20 megapixel, Mavic 2 Pro offre il massimo dettaglio. Pro ha la migliore gamma dinamica e anche il rumore più basso. Anche se non guadagna punti per la sua nitidezza in 4K, produce comunque video sbalorditivi. Se sei un fotografo, allora Mavic 2 Pro è la scelta migliore fintanto che te lo puoi permettere.

Il Mavic 2 è abbastanza stabile per catturare scatti a lunga esposizione. Avevo il Mavic 2 Pro impostato su ISO 100, f / 2.8, esposizione 1s.

Mavic 2 Zoom: la migliore fotocamera all-around
Sono rimasto scioccato quando ho scoperto che Mavic 2 Zoom ha uno zoom ottico continuo 2X pur mantenendo un’eccellente nitidezza a tutte le focali. Mi aspettavo che fosse morbido da qualche parte nella gamma dello zoom. Invece, ho trovato le sue immagini e i video 4K per essere carini e nitidi. La possibilità di registrare filmati 4K nitidi a più stati di zoom rende Mavic 2 Zoom la migliore fotocamera per la maggior parte dei piloti. Se fai proprietà immobiliari o se desideri solo la massima flessibilità in un drone, scegli Mavic 2 Zoom.

Mavic Air: la migliore per essere piccoli
Quando sono vicino a casa, il DJI Mavic Air raramente mi viene in mente. La qualità della foto e del video non si confronta favorevolmente con gli altri droni in questo elenco. Ma non appena inizio a pensare di far volare il mio drone in un altro paese, all’improvviso Mavic Air sembra un’ottima scelta. L’Air è super compatto. Con un prezzo inferiore a $ 800, il dispiacere sarà inferiore se lo perdo per qualche motivo.

Qualità fotografica Evo e Mavic
Qui il Mavic 2 Pro è il chiaro vincitore. Ho messo lo zoom Mavic 2 e la fotocamera Evo sullo stesso livello quando si tratta di qualità fotografica complessiva.

EVO e Mavic Drones JPEG Confronta casa
Con le impostazioni standard, l’Evo è l’unico drone che attira il cielo blu e le nuvole.

Mavic 2 Zoom ha una maggiore flessibilità, ma secondo me i JPEG sono troppo elaborati. Per fortuna i fotografi RAW non saranno delusi dal Zoom Mavic 2. Autel Evo è estremamente nitido, i JPEG sono pronti per l’uso e facili da modificare.

Mavic Air è il perdente in questa categoria con troppi contrasti incorporati nei JPEG e fotografie complessive.

vista dettagliata di JPEG da Evo e Mavics
Ritagliando i JPEG puoi avere un’idea dei dettagli di cui sono capaci queste telecamere. Il Mavic 2 Pro è il chiaro vincitore mentre il Mavic Air è il più morbido.

Evo 4K – Meglio di Mavic 2 Pro
Proprio come con la qualità del video, ho messo Autel Evo e DJI Mavic 2 Zoom come uguali per video 4K a 30 fotogrammi al secondo. La capacità di zoom di Zoom è particolarmente utile per i video, ma il 4K di Evo è probabilmente un po ‘più nitido e più facile da lavorare. Il vero vantaggio va all’Evo per il suo frame rate, in quanto è l’unico drone in questo confronto che può registrare in 4K a 60 fps.

Confronto tra EVO e Mavic Drones 4K
Mavic 2 Zoom ed Evo fanno del loro meglio per preservare la nitidezza delle fotocamere in 4K-30

La capacità 4K di Mavic 2 Pro soffre rispetto ai suoi pari. Questo non è più un segreto e DJI lo ha persino ammesso. La fotocamera non è il problema, è l’incapacità del professionista di elaborare il video 4K abbastanza rapidamente che è il problema. Non c’è soluzione per questo problema con Mavic 2 Pro, tutto ciò che possiamo fare è aspettare e sperare in una Platinum Edition.

Il Mavic Air perde ancora una volta i droni pieghevoli più grandi e più capaci con video 4K morbido che non giustifica davvero il nome 4K. Il Mavic Air è un drone eccezionale, ma raccomando di registrare in 1080 per file più piccoli e qualità video simile.

Fotocamera Autel Evo vs DJI serie Mavic – Confronto completo

Autel Evo Camera – L’ultima parola
La fotocamera di Evo è pulita, nitida e facile da usare. Con la possibilità di scattare in 4K a 60 fps, Evo ha sicuramente guadagnato un posto nel mio toolkit. Alla fine della giornata, faccio fatica a sbarazzarmi di uno di questi droni. Come ho descritto all’inizio, hanno tutti i loro punti di forza e tutti hanno i loro punti deboli.

Se fossi un fotografo comprerei il DJI Mavic 2 Pro . Se fossi un videografo esperto otterrei il Zoom Mavic 2 . La fotocamera Autel Evo è la scelta giusta per il fotografo immobiliare con un budget limitato o per il miglior 4K. Non puoi battere Mavic Air per i viaggi.

Sfida accettata: in arrivo un gimbal DJI più leggero e intelligente

Ieri l’account Twitter ufficiale di DJI ha rilasciato un’anteprima di un imminente stabilizzatore per fotocamera leggero , il DJI Ronin SC, che sarà annunciato durante l’evento “Challenge Accepted” il 17 luglio. Questo segna la prima aggiunta alla linea di gimbal professionale di DJI dal DJI Rilascio di Ronin S al CES 2018.

Il nuovo Ronin SC di DJI è più leggero e intelligente che mai
L’ultimo giunto cardanico di DJI, Ronin S, è stato impressionante grazie al suo peso relativamente basso e all’elevata portabilità, pur mantenendo la funzionalità dei modelli Ronin più grandi. Ci aspettiamo di vedere le stesse fantastiche funzionalità (e nuove) con l’ultimo Ronin. Il nuovo stabilizzatore per fotocamera DJI Ronin sembra essere in concorrenza con FeiyuTech AK2000 e modelli simili.

Un deposito FCC depositato per conto di DJI dal 15 luglio mostra un dispositivo digitale di classe B inviato con il nome Ronin SC / Ronin S Command ad esso allegato. La presentazione è stata inoltre presentata con una ruota Focus, l’impugnatura per fotocamera Ronin SC, lo stesso Ronin SC, nonché un motore di messa a fuoco Ronin-SC insieme a un adattatore a parete Huawei e una fotocamera Canon.

Cosa ci dice il video?
Dal video teaser pubblicato su Twitter e dalla foto sul sito Web DJI, possiamo vedere che il gimbal sta trattenendo quella che sembra una fotocamera mirrorless con un braccio inclinato di 45 gradi sul retro per mantenere visibile lo schermo. Lo stabilizzatore è inoltre dotato di un attacco per base treppiede e una levetta multidirezionale, un pulsante modalità e un pulsante di accensione. Sembra anche che ci siano 3 spie sopra l’impugnatura e i controlli – possibilmente stato / modalità di alimentazione, connessione della fotocamera e connessione del telefono. Lo stabilizzatore ha anche una rotella di scorrimento, presumibilmente per mettere a fuoco e zoomare la fotocamera.

FT Aviator: un modo completamente nuovo di pilotare il tuo drone DJI

FT Aviator è un joystick progettato dall’astronauta della NASA Scott Parazynski. Credeva che esistesse un modo migliore e più semplice di volare rispetto al tradizionale controller a due joystick. Questo telecomando unico si collegherà alla maggior parte dei droni DJI e darà al pilota una nuova esperienza di volo. Ero incredibilmente scettico, ma dopo averne messo le mani su uno, ho capito esattamente perché Parazynski lo ha sviluppato. Continua a leggere per saperne di più su questo telecomando unico di $ 349.

FT Aviator
Con FT Aviator, volare è piuttosto intuitivo. Bilanci la base del joystick in una mano e afferri il joystick con l’altra. Con la tua mano di controllo, il drone andrà nella direzione in cui premi il joystick. Spingi il joystick in avanti e il drone volerà in avanti. Spingi la levetta a destra e il drone vola a destra. Se vuoi sbattere o girare il drone, gira il joystick nella direzione in cui vuoi ruotare il drone. L’altitudine o l’acceleratore sono controllati da un grilletto sul joystick. Essere in grado di eseguire questi movimenti non ha impiegato quasi nessun tempo per farmi capire. Ma poi di nuovo, faccio volare droni quasi ogni giorno. Quindi avevo bisogno di trovare qualcuno che non lo facesse.

ft aviator con dji mavic e phantom
FT Aviator è più intuitivo di un telecomando tradizionale?
Decisi che mia moglie sarebbe stata una candidata perfetta per mettere alla prova l’aviatore FT. Ha pilotato un drone una o due volte nella sua vita e non era contenta dell’esperienza. Dopo un breve tutorial, abbiamo avviato il decollo automatico. È stata in grado di manovrare il drone quasi immediatamente. Mi disse che usare Aviator era facile e che si stava persino divertendo.

ft aviator
Ho provato FT Aviator con il mio Mavic Air e il mio drone Phantom 4 Advanced . Ho trovato la precisione dei controlli molto migliore con Phantom rispetto a Mavic Air. Personalmente sento ancora di poter controllare meglio il mio drone con il telecomando tradizionale, ma, di nuovo, ho registrato solo una manciata di voli sull’Aviator, rispetto a innumerevoli altri che utilizzano un telecomando tradizionale.

FT Aviator: un modo completamente nuovo di pilotare il tuo drone DJI

L’uso di FT Aviator non sostituisce il telecomando DJI originale. Devi collegarli insieme tramite un cavo USB. Ciò significa che stai portando con te un equipaggiamento extra quando voli. Non è inoltre possibile disabilitare l’evitamento degli ostacoli quando si utilizza FT Aviator. Inoltre, i controlli del gimbal non sembravano abbastanza composti come quelli del telecomando DJI. Attualmente, l’Aviator funzionerà con la maggior parte dei droni DJI dal Mavic Air fino all’Inspire 2.

Dovresti ottenere un FT Aviator?
alternativa al telecomando dji
Non credo che i piloti più esperti sostituiranno i loro telecomandi tradizionali con FT Aviator. È più intuitivo, ma se hai già imparato il volo, non penso che sia un accessorio necessario. Tuttavia, un nuovo pilota potrebbe voler provare. Questo potrebbe anche essere uno strumento eccellente per i primi soccorritori. Se c’è un folto gruppo di persone che devono essere in grado di pilotare un drone senza dover impiegare tonnellate di ore, l’Aviator potrebbe essere uno strumento eccellente.

Mentre il prezzo attuale di FT Aviator è di $ 349 che è per un tempo limitato. Il prezzo tipico è $ 449 ma in questo momento puoi approfittare dello sconto di $ 100. Infatti, FT Aviator ha offerto ai lettori DroneDJ uno sconto di $ 50 con un codice esclusivo, FTA $ 50 DRONEDJ. Ciò significa che puoi ritirare un FT Aviator per soli $ 299.

Droni DJI vietati dal fornitore di tecnologia alle forze dell’ordine statunitensi a favore di Skydio

Droni DJI vietati da Cape, una società di software per droni che rifornisce le forze dell’ordine statunitensi. Ha detto che per motivi di sicurezza non funzionerà più con DJI o altri produttori cinesi di droni. La società tecnologica fornisce dozzine di agenzie di pubblica sicurezza nonché forze dell’ordine statali e locali negli Stati Uniti e in alcuni altri paesi.

Droni cinesi e DJI vietati
Cape , una startup di Redwood City, California, informerà i propri clienti mercoledì che smetterà di vendere software compatibile con i droni cinesi, secondo un articolo di Bloomberg .

Il divieto è l’ultimo colpo alle compagnie cinesi di droni e in particolare a DJI, il più grande produttore mondiale di droni, che negli ultimi anni ha cercato di calmare i problemi di sicurezza relativi ai suoi prodotti.

I passi compiuti da Cape sono una conseguenza del deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina.

Bloomberg riferisce che il portavoce del DJI Michael Oldenburg ha scritto in un’e-mail:

Siamo delusi dal conoscere la decisione di Cape, che si basa su false speculazioni, e rimaniamo impegnati a lavorare continuamente con tutti i nostri clienti, compresi più di 520 enti di pubblica sicurezza che si affidano ai nostri prodotti per svolgere missioni critiche.

Il CEO di Cape, Chris Rittler, ha dichiarato:

Le dichiarazioni di diverse agenzie federali hanno sollevato preoccupazioni per partner e potenziali clienti. È vero.

I clienti esistenti di Cape possono utilizzare il software fino alla fine del contratto, che scade entro i prossimi 12 mesi. Successivamente, possono scegliere da un elenco di fornitori di droni approvati che per ora contiene solo un nome, Skydio .

Come sapranno i lettori di DroneDJ , DJI ha recentemente pubblicato un’edizione speciale del governo per i loro droni che dovrebbe eliminare qualsiasi timore che le persone possano avere dei dati inviati in Cina.

All’inizio di questo mese, il Dipartimento degli Interni ha convalidato in modo indipendente la Government Edition su DJI Mavic Pro e Matrice 600. Il DOI ha approvato DJI in parte a causa della mancanza di alternative domestiche praticabili, ma ha suggerito di utilizzare droni DJI solo per missioni non sensibili.

Nel corso degli anni, DJI è diventato il leader indiscusso del mercato nel settore dei droni. Altre società statunitensi come GoPro hanno provato ma non sono riuscite a diventare un vero concorrente di DJI.

Jim Williams, ex funzionario della Federal Aviation Administration ma diventato consulente per droni, ha dichiarato:

Le pressioni del mercato li hanno dichiarati vincitori. Hanno la tecnologia; hanno la produzione a basso costo; e continuano a innovare. Ci vorrà un po ‘prima che qualcuno possa sfidarli.

Fondata nel 2014, Cape si è trasferita nello spazio delle forze dell’ordine nel 2017 mentre testava i droni a Ensenada, in Messico. Nell’ambito di un programma pilota per la polizia locale, la compagnia ha equipaggiato un drone DJI con un software speciale che combina funzionalità di volo autonome con telecomandi. L’estate scorsa, i funzionari di polizia hanno dichiarato che quel drone aveva assistito in oltre 500 arresti e una riduzione del crimine del 10%. Da allora, Cape si è concentrata sulle forze dell’ordine, che ora rappresentano il 70% delle loro attività.

Senza identificare quali agenzie governative hanno espresso preoccupazione per gli aerei cinesi e in particolare i droni DJI, il CEO di Cape ha dichiarato:

La tensione è stata sotterranea o dietro il sipario. Ne senti sempre di più venire alla ribalta.

DJI raccomanda il servizio gratuito LAty di Kittyhawk per i piloti da diporto

Oggi, la Federal Aviation Administration (FAA) ha annunciato che LAANC sarebbe stata disponibile per i piloti di droni hobbisti per avere accesso allo spazio aereo controllato. DJI ha seguito con il proprio annuncio, raccomandando il servizio gratuito LAty di Kittyhawk per i piloti ricreativi. Ci sono altre due opzioni oltre al servizio di Kittyhawk e sono UASideKick e Airmap . Vedi sotto per il messaggio di DJI.

DJI consiglia il servizio gratuito LAty di Kittyhawk
DJI accoglie con favore l’accesso facile e veloce allo spazio aereo statunitense controllato per i piloti di droni da diporto
DJI raccomanda il servizio gratuito LAANC di Kittyhawk per i piloti da diporto
DJI , leader mondiale nei droni civili e nella tecnologia di imaging aereo, è lieto che a partire da oggi, i piloti di droni da diporto negli Stati Uniti possano ottenere un’autorizzazione quasi istantanea dalla Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti per volare in uno spazio aereo controllato vicino a circa 600 aeroporti . Ciò apre circa 2000 miglia quadrate di spazio aereo a piloti di droni ricreativi sicuri e responsabili, proprio come tali autorizzazioni sono state rese disponibili per la prima volta ai piloti di droni professionisti l’anno scorso.

Le recenti modifiche alla legge richiedono che i piloti di droni da diporto ottengano l’autorizzazione a volare in uno spazio aereo controllato, sostituendo il precedente requisito di notifica agli aeroporti vicini. Il sistema di autorizzazione e notifica a bassa quota (LAANC) della FAA identifica le posizioni nello spazio aereo controllato in cui le operazioni dei droni sono considerate così sicure che le autorizzazioni possono essere concesse automaticamente al di sotto delle altitudini specificate. I piloti possono utilizzare LAANC per scoprire tali luoghi, pianificare voli, presentare domande e ricevere approvazioni immediate. LAANC fornisce inoltre informazioni su tali voli verso le strutture di controllo del traffico aereo della FAA, migliorando la consapevolezza della situazione e migliorando la sicurezza aerea.

“I droni hanno conseguito un ammirevole record di sicurezza in tutto il mondo e la FAA ha riconosciuto che potrebbero essere gestiti in sicurezza in alcune aree vicino agli aeroporti sia da operatori professionali che ricreativi”, ha affermato Brendan Schulman, Vice President Policy & Legal Affairs di DJI. “L’apertura del sistema LAANC ai piloti di droni da diporto è un passo importante negli sforzi della FAA di integrare in modo sicuro i droni nei cieli americani fornendo soluzioni innovative ai requisiti normativi.”

DJI raccomanda ai piloti di droni ricreativi di ottenere le autorizzazioni LAANC attraverso Kittyhawk , una piattaforma operativa per droni con un forte impegno per la sicurezza. Kittyhawk offrirà gratuitamente il servizio LAANC ai piloti ricreativi, per aiutare gli appassionati a fare di più con la tecnologia dei droni e prendere in considerazione opportunità professionali e di carriera con i droni.

“L’industria americana dei droni ha bisogno di una forte offerta di innovatori di droni, imprenditori e piloti pratici per continuare la sua rapida crescita”, ha dichiarato Josh Ziering, fondatore di Kittyhawk. “I droni stanno aiutando aziende, organizzazioni no profit, governi e ricercatori a svolgere il proprio lavoro meglio, più velocemente, in modo più sicuro ed economico, e l’accelerazione di questi benefici richiede una costante rete di talentuosi appassionati di droni che trasformano la loro curiosità ricreativa in una professione. Offrire ai piloti di droni da diporto un modo semplice e gratuito per accedere allo spazio aereo controllato della nazione è un modo per aiutare l’America a raggiungere tutti i vantaggi che i droni possono offrire. “

“Kittyhawk è un fornitore leader di software per la pianificazione dei voli e la gestione di flotte di droni”, ha affermato Schulman. “È l’app che uso personalmente quando voglio controllare lo spazio aereo. Siamo lieti di poter indirizzare i numerosi utenti ricreativi di DJI agli strumenti di facile utilizzo di Kittyhawk per volare in conformità con i nuovi requisiti per i voli ricreativi nello spazio aereo controllato. “

L’app Kittyhawk è disponibile per il download per iOS e Android seguendo i collegamenti in questa pagina. Ai piloti di droni verrà chiesto se stanno cercando un’autorizzazione LAANC professionale (Parte 107) o ricreativa (Sezione 44809) e l’app indirizzerà le loro richieste di conseguenza.

Lo scorso anno la FAA ha approvato DJI come fornitore di servizi UAS LAANC, che in futuro consentirà ai clienti DJI professionisti e ricreativi di utilizzare le soluzioni DJI per richiedere senza problemi le approvazioni LAANC durante la pianificazione dei voli. Ulteriori dettagli sui servizi LAANC attualmente in fase di sviluppo da parte di DJI saranno resi noti a tempo debito.

Cosa ne pensi della raccomandazione di DJI di utilizzare il servizio LAANC di Kittyhawk per i piloti da diporto? Fateci sapere nei commenti qui sotto.